Comunicati Stampa Torneo ATP 2017

Internazionali di Cortina / Day 2 | 26 Luglio 2017

Tra i tanti italiani iscritti al challenger di Cortina sicuramente uno dei più interessanti è il piemontese Matteo Donati, ventidue anni, nato ad Alessandria il 28 febbraio del 1995.

matteo donati on i bambini.jpeg

Matteo Donati a Cortina protagonista del Kid’s week end (©RDOphoto)

Matteo ha cominciato a giocare a tennis all’età di 5 anni ed è diventato professionista nel 2013. Attualmente è posizionato al numero 294 del mondo con un best ranking di 159 ottenuto a luglio 2015. Nel 2016 ha giocato un ottimo torneo a Caltanissetta arrivando fino alla finale persa in tre set contro Paolo Lorenzi e a Cortina ha raggiunto i quarti di finale sconfitto da Joao Souza. Semifinale anche al Manerbio Challenger.

matteo donati.jpeg (©RDOphoto)

Donati si è dimostrato molto alla mano e disponibile scendendo in campo domenica a palleggiare con un bel gruppo di bambini. Il primo turno si è dimostrato subito insidioso, contro il brasiliano Clezar. Perso il primo set al tie break, Matteo è salito 5-2 nel secondo prima dell’interruzione per pioggia. Match rinviato a martedì.

 

matteo donati 2.jpeg(©RDOphoto)

Eccovi il saluto di Matteo Donati appena arrivato a Cortina


Alla quarta edizione degli Internazionalizzi Cortina c’è anche Matteo Viola. Una stagione per lui finora positiva con qualche vittoria nel mondo Future che lo stanno rilanciando in termini di gioco e classifica. Arrivato alla soglia dei top 100 Matteo si è poi un po’ perso e Cortina può’ essere una buona occasione per continuare il suo buon percorso del 2017. Ma attenzione al primo turno ha il croato Viktor Galovic fresco vincitore del challenger di Recanati. “Un osso duro” lo sottolinea pure Viola. Che nel mentre si è intrattenuto a giocare con qualche bambino dei club locali.

kids viola.jpeg

Matteo Viola con la racchetta in campo a Cortina per il KIDS WEEK END (©RDOphoto)

Eccovi l’incontro con Matteo appena arrivato al Country club dopo aver partecipato alle qualificazioni di Umago, inciampando nel gigante francese De Scheppers.

footer-->